Giovanni Sollima e la PFM aprono Panorami sonori

Inaugurazione in coincidenza con il Salone del Mobile per accogliere al Teatro Dal Verme gli appassionati della modernità all’insegna di valori musicali senza tempo

Replica all’Anfiteatro del Vittoriale degli Italiani

 Milano, Teatro Dal Verme, giovedì 9 giugno, ore 20
Gardone Riviera, Anfiteatro del Vittoriale degli Italiani, venerdì 10 giugno, ore 21

Sarà il violoncellista e compositore Giovanni Sollima – fa gli artisti più apprezzati di oggi sorprendente e coinvolgente anche per la capacità di intrecciare epoche e generi – il primo ospite dell’Orchestra I Pomeriggi Musicali sul palcoscenico del Teatro Dal Verme, giovedì 9 giugno alle ore 20, ad inaugurare Panorami sonori, nuova rassegna estiva dell’istituzione milanese che presenta a giugno quattro appuntamenti dedicati a generi musicali meno frequenti nella programmazione istituzionale, oltrepassando i confini del repertorio classico.
Special Guest della serata sarà la PFM – Premiata Forneria Marconi, storica band, emblema del rock progressivo italiano. composta da Franz Di Cioccio (voce e batteria), Patrick Djivas (basso), con Lucio Fabbri (violino, seconda tastiera, cori), Alessandro Scaglione (tastiere, cori), Marco Sfogli (chitarra, cori), special guest Luca Zabbini.

La Fondazione I Pomeriggi Musicali ha scelto di inaugurare questa nuova rassegna estiva in coincidenza con il Salone del Mobile per proporre ai tanti visitatori che arriveranno in città una speciale occasione di incontro tra linguaggi, repertori e artisti di estrazione diversa. Il denominatore comune è la musica, l’inesauribile possibilità di reinventarla e riscoprirla da infinite angolature, nella migliore tradizione dei Pomeriggi e degli stessi ospiti con cui dialogherà l’Orchestra al Teatro Dal Verme, nel cuore di Milano.

Il programma comprende alcune pagine dello stesso Sollima – Terra con variazioni per violoncello e orchestra, Aquilarco n. 2 e Aquilarco n. 3 – quindi una rilettura di due brani (The Cold Song e Strike The Viol) del massimo compositore inglese, il barocco Henry Purcell e in chiusura l’incontro con la Premiata Forneria Marconi (dal 1971) attraverso la loro versione di brani del repertorio classico come dell’Ouverture dal Nabucco di Verdi, la “Danza dei cavalieri” da Romeo e Giulietta di Prokof’ev e la Suite italiana.

Il concerto di Sollima con la PFM e l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali sarà poi replicato venerdì 10 giugno (ore 21) nello splendido Anfiteatro del Vittoriale degli Italiani a Gardone Riviera in provincia di Brescia, rinnovando l’esperienza degli scorsi anni. L’Orchestra I Pomeriggi Musicali è stata la prima compagine ad esibirsi al termine dei lavori di restauro che hanno interessato il “Parlaggio”, nome della “conca marmorea sotto le stelle” della quale a lungo Gabriele d’Annunzio sognò la realizzazione e che finalmente è stata completata con il marmo rosso di Verona previsto dal progetto di questo sogno culturale ed edilizio del Vate sulle rive del Lago di Garda.

Panorami sonori
Vendita degli abbonamenti: dal 5 maggio al 9 giugno 2022
Vendita dei biglietti per i singoli concerti dal 5 maggio 2022

Gli abbonamenti ai 4 concerti di “Panorami Sonori” hanno un costo intero da 68 a 37 euro + prevendita
Gli abbonamenti ai 4 concerti di “Panorami Sonori” hanno un costo ridotto da 54 a 30 euro + prevendita

I biglietti di “Panorami Sonori” hanno un costo intero da 20 a 11 euro + prevendita
I biglietti di “Panorami Sonori” hanno un costo ridotto da 16 a 9 euro + prevendita

Gli abbonamenti e i biglietti ridotti sono riservati agli under 26, agli over 60, gruppi, cral, biblioteche, associazioni culturali, scuole e università.

Trenord è Travel partner della Fondazione I Pomeriggi Musicali e offre ai propri abbonati con la tessera “Io viaggio” lo sconto del 25% sui biglietti e gli abbonamenti.

La biglietteria del Teatro Dal Verme è aperta da martedì a sabato ore 10:30 – 18:30
biglietteria@ipomeriggi.it / tel 02 87905 201

Biglietti in vendita su TicketOne.

Giovanni Sollima è un violoncellista di fama internazionale e il compositore italiano più eseguito nel mondo. Collabora con artisti del calibro di Riccardo Muti, Yo-Yo Ma, Ivan Fischer, Viktoria Mullova, Ruggero Raimondi, Mario Brunello, Kathryn Stott, Giuseppe Andaloro, Yuri Bashmet, Katia e Marielle Labeque, Giovanni Antonini, Ottavio Dantone, Patti Smith, Stefano Bollani, Paolo Fresu, Elisa e Antonio Albanese e con orchestre tra cui la Chicago Symphony Orchestra, Liverpool Philharmonic, Royal Concertgebouw Orchestra, Moscow Soloists, Berlin Konzerthausorchester, Australian Chamber Orchestra, Il Giardino Armonico, Cappella Neapolitana, Accademia Bizantina, Budapest Festival Orchestra.
Per il cinema, il teatro, la televisione e la danza ha scritto e interpretato musica per Peter Greenaway, John Turturro, Bob Wilson, Carlos Saura, Marco Tullio Giordana, Alessandro Baricco, Peter Stein, Lasse Gjertsen, Anatolij Vasiliev, Karole Armitage, e Carolyn Carlson.
Si è esibito in alcune delle più importanti sale in tutto il mondo, tra cui la Alice Tully Hall, la Knitting Factory, la Carnegie Hall (New York), la Wigmore Hall, la Queen Elizabeth Hall (Londra), la Salle Gaveau (Parigi), il Teatro alla Scala (Milano), il Ravenna Festival, l’Opera House (Sidney), la Suntory Hall (Tokyo). Dal 2010 Sollima insegna all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, dove è stato insignito del titolo di Accademico.  Nel 2012 ha fondato, insieme a Enrico Melozzi, i 100 Cellos.
Nel 2015 ha creato a Milano il “logo sonoro” di Expo e inaugurato il nuovo spazio museale della Pietà Rondanini di Michelangelo. Nel campo della composizione esplora generi diversi avvalendosi di strumenti antichi, orientali, elettrici di sua invenzione, suonando nel Deserto del Sahara, sott’acqua, o con un violoncello di ghiaccio. Nel corso del 2020, a causa della pandemia mondiale di Covid-19, le attività concertistiche di Giovanni Sollima hanno subito, per noti motivi, un forte rallentamento. Nei mesi estivi ed autunnali ha comunque avuto modo di apparire per Festival rinomati quali il Classiche Forme di Lecce, il MiTo Settembre Musica di Milano e Torino, il Mittelfest di Cividale del Friuli e per l’Associazione Scarlatti di Napoli.  La sua discografia si è aperta nel 1998 con un CD commissionato da Philip Glass per la propria etichetta Point Music, al quale sono seguiti numerosi album per Sony, Egea e Decca. Giovanni Sollima ha riportato alla luce un violoncellista/compositore del Settecento, Giovanni Battista Costanzi, di cui ha inciso nel corso degli ultimi anni le Sonate e Sinfonie per violoncello e basso continuo per l’etichetta spagnola Glossa.  Nell’ottobre 2018, alla Cello Biennale di Amsterdam, ha ricevuto il prestigiosissimo riconoscimento Anner Bijlsma Award. Nei primi mesi del 2021 ha registrato le sei Suite di J.S. Bach, simbolo di un ritorno all’essenza della musica.
Giovanni Sollima suona un violoncello Francesco Ruggeri (Cremona, 1679).

PFM Premiata Forneria Marconi è un gruppo musicale molto eclettico ed esuberante, con uno stile distintivo che combina la potenza espressiva della musica rock, progressive e classica in un’unica entità affascinante. Nata discograficamente nel 1971, la band ha guadagnato rapidamente un posto di rilievo sulla scena internazionale, entrando nel 1973 nella classifica di Billboard (per “Photos Of Ghosts”) e vincendo un disco d’oro in Giappone. Continua fino ad oggi a rappresentare un punto di riferimento.  Nel 2011 PFM debutta con l’ambizioso progetto “PFM in classic” dove si cimenta con mostri sacri della musica classica come  Mozart, Prokofiev, Verdi, Korzakov e molti altri… a questo progetto fanno seguito un tour in Giappone (accompagnati da un’orchestra giapponese), un tour teatrale in Italia con l’uscita di un doppio cd. Nel 2017 PFM è stata premiata con la posizione n. 50 nella “Royal Rock Hall of Fame” di 100 artisti più importanti del mondo, mentre nel 2018 ha ricevuto il prestigioso riconoscimento come “Band internazionale dell’anno” ai Prog Music Awards UK. A febbraio 2019 la band è stata invitata, per la terza volta, a salire a bordo della “CRUISE TO THE EDGE” (CTTE) come unico artista italiano che ha partecipato all’evento insieme alle più grandi prog band del mondo, capitanate degli YES.