Quale volto per l’uomo contemporaneo?