Panorami sonori. Direttore: Alessandro Cadario - Teatro Dal Verme

Le date

Sala Grande
giovedì 23 giugno 2022
Ore: 20:00

L’arrivo dell’estate, giovedì 23 giugno, viene salutato festeggiando i 90 anni del più celebre compositore di colonne sonore per il cinema hollywoodiano: John Williams. Sul podio il direttore ospite principale Alessandro Cadario per un programma “cinematografico” in cui alcune fra le pagine più note di Williams, come quelle per Star Wars, E.T. e Jurassic Park, sono affiancate a quelle di un altro grande maestro di colonne sonore come Nino Rota per i film Romeo e Giulietta di Franco Zeffirelli e La strada di Federico Fellini.

Programma

Nino Rota
Suite da Romeo e Giulietta
Suite da La strada
Erich Wolfgang Korngold
Tema da Kings Row
John Williams
Tema da Star Wars
Tema da Jurassic Park
Adventures on Earth” da E.T.
Klaus Badelt
Tema da Pirates of Caribbean

 

CONVENZIONE CON IL CINEMINO

Il 20 giugno al Cinemino di Milano, Alessandro Cadario introdurrà l’ultimo appuntamento della stagione di “Alta Fedeltà”, una rassegna legata all’universo musicale, presentando il film Ennio.

Il Cinemino regalerà agli spettatori del concerto di “Panorami sonori” del 23 giugno la tessera associativa per partecipare alla visione del film.

Ai tesserati del Cinemino I Pomeriggi Musicali riconosceranno biglietti ridotti per ciascun settore:

€. 15,00 + prevendita – 1° settore

€. 11,00 + prevendita – 2° settore

€. 8,00 + prevendita – balconate

www.ilcinemino.it

Il Cast

Direttore Alessandro Cadario
Orchestra I Pomeriggi Musicali

Note di sala

Raccontare la storia della musica per il cinema significa evitare i tracciati rettilinei e disporsi verso un itinerario tortuoso e solcato da incroci talora imprevedibili. È una storia di compositori, ovviamente, e di opere d’arte scritte a più mani insieme ai registi e agli sceneggiatori, ma è anche e soprattutto storia sociale. Per esempio è l’esito inatteso di una brillantissima e precoce carriera di compositore d’opera, quella di Erich Wolfgang Korngold che inizia a comporre da bambino – ma lo eseguono sin da subito i “grandi”, come Arthur Schnabel e Bruno Walter – e che già a ventitré anni scrive uno dei capolavori del teatro musicale novecentesco: Die tote Stadt. Ma la sua famiglia era ebrea e nel 1934 la minaccia nazista lo spinge ad accettare l’invito del regista Max Reinhardt di trasferirsi a Hollywood, dove inizia a scrivere per il cinema e colleziona ben due Oscar (per Anthony Adverse e per The Adventures of Robin Hood). Kings Row (1942) è uno dei suoi ultimi film, le cui sonorità permettono di andare a ritroso nella storia musicale – riconoscendovi una profonda impronta wagneriana – ma anche di corriere in avanti, fino alla travolgente carriera di superstar musicale che colloca John Williams (1932) al vertice di questa arte, seppur forte di uno stile che proprio i musicisti emigré come Korngold hanno forgiato. Affiancare partiture come quelle di Star Wars o di E.T. alle colonne sonore di Korngold oppure anche alle sue pagine sinfoniche (per esempio al Concerto per violino), palesa somiglianze evidentissime e definisce una koiné linguistica che contraddistingue moltissimo cinema hollywoodiano. Anche Williams ha studiato con un musicista ebreo sfuggito alle leggi razziali, l’italiano Mario Castelnuovo-Tedesco, esponente di una lunga generazione di raffinati orchestratori che comprende anche Nino Rota, autore di un esteso catalogo di colonne sonore per registi italiani come Federico Fellini (per esempio La strada) e Franco Zeffirelli (Romeo e Giulietta) ma anche Luchino Visconti e Mario Monicelli, o statunitensi come King Vidor e Francis Ford Coppola (col quale ha vinto l’Oscar per il Padrino – Parte II). Volendo affiancare a questi nomi storici un loro corrispettivo contemporaneo, uno dei possibili nomi è quello di Klaus Badelt, notissimo non solo per la musica dei Pirati dei Caraibi ma anche collaboratore alle musiche di altri successi planetari come Il gladiatore e X-Men al fianco del suo mentore Hans Zimmer.