Festival Charlie Chaplin #1: City Lights - Teatro Dal Verme

Le date

Sala Grande
domenica 27 febbraio 2022
Ore: 16:00

Note

Film restaurati dalla Cineteca di Bologna

Restano validi i biglietti acquistati e non utilizzati per la proiezione dello stesso film in data 5 aprile 2020

L’Orchestra I Pomeriggi Musicali presenta il Festival Charlie Chaplin, proiezione del film con esecuzione dal vivo della colonna sonora:

City Lights
Direttore Timothy Brock
Orchestra I Pomeriggi Musicali

Il Cast

Direttore Timothy Brock
Orchestra I Pomeriggi Musicali

Note di sala

Charlie Chaplin (1889-1977)
Proiezione dei film con esecuzione dal vivo
delle colonne sonore originali di Charlie Chaplin
In collaborazione con Fondazione Chaplin 

City Lights – Luci della Città –  scritto e prodotto da Charlie Chaplin, è un film di genere commedia, drammatico, sentimentale del 1931, diretto da Charlie Chaplin, con Charlie Chaplin e Virginia Cherrill. Il film dura 87 minuti.

I Pomeriggi Musicali presentano il film in forma di cine – concerto, accompagnandone la proiezione con l’esecuzione dal vivo della colonna sonora composta dallo stesso Chaplin.  Sul podio il massimo esperto del genere, il direttore statunitense Timothy Brock.

La trama Un povero vagabondo dall’animo sensibile e pieno di generose aspirazioni incontra un giorno una povera ragazza cieca, che vende fiori, e se ne innamora. Essa lo crede un ricco signore. Il vagabondo continua a pensare alla piccola fioraia e unna notte, vagando per la città, giunge alla sponda del fiume  dove un ricco signore  è sul punto di togliersi la vita. Il vagabondo lo convince a desistere e lo rincuora: i due diventano ottimi amici, anche se il milionario è preso soprattutto da se stesso e non ha tempo di pensare all’amico fino al giorno in cui   parte per l’Europa. L’affetto, che lega il vagabondo alla cieca intanto cresce pian piano. Quando  la ragazza si ammala, il vagabondo si piega a tutti i mestieri per poterle procurare il necessario. Intanto il milionario ritorna a casa, offre ospitalità al vagabondo e aiuta la ragazza. Alcuni parenti del milionario accusano di furto il vagabondo, che, benché innocente, deve passare dei mesi in carcere. Nel frattempo la ragazza, che ha riacquistato la vista, ha aperto un bel negozio di fiori. Un giorno il vagabondo, uscito dal carcere, si ferma dinanzi alla vetrina della fioraia. Questa gli va incontro e a un tratto riconosce in lui l’ignoto benefattore.

Produzione e aneddoti Quando nel 1929 Chaplin cominciò a pensare al suo nuovo film, il sonoro era ormai normalmente utilizzato nel cinema e l’autore subì molte pressioni perché realizzasse una pellicola sonorizzata.  Chaplin preferì restare fedele al cinema muto e a quella forma di pantomima che lo aveva reso celebre. Di fatto, fino alla realizzazione de  Il grande dittatore (1940),presentò solo film muti.

City Lights, quello che diventerà il suo film più apprezzato dalla critica, ebbe come co-protagonista Virginia Cherrill, all’epoca ventiduenne. Chaplin raccontò di averla conosciuta a un incontro di boxe nel 1928 e di averla scritturata immediatamente.

Varie vicissitudini coinvolsero Chaplin durante la realizzazione di City Lights. Una tra le più importanti: la fioraia avrebbe dovuto scambiare il piccolo vagabondo per un milionario ma Chaplin non sapeva come  raccontare questo passaggio. Prima di trovare una soluzione rifece la scena svariate volte, tanto che alla fine proprio questa scena è divenuta la più ripetuta nella storia del cinema, per un totale di 342 ciak. Va anche detto che il film rimase in lavorazione per ben tre anni e vennero utilizzati oltre 100 000 metri di pellicola.

Il film fu proiettato per la prima volta il 30 gennaio 1931 a Los Angeles, presso il Los Angeles Theater. In Italia fu presentato per la prima volta il 18 settembre 1931.

Compositore delle musiche di molti suoi film, Chaplin ebbe a ridire, con gli arrangiatori perché insistevano nel dare un’impronta più comica alla musica mentre il regista insisteva a volere un “contrappunto di grazia e delicatezza, che esprimesse il sentimento, senza il quale l’opera d’arte è sempre incompleta” (Chaplin).

City Lights è uno dei film più amati dalla critica sin dal suo debutto nelle sale cinematografiche.

La pellicola che viene proiettata al Teatro Dal Verme è stata restaurata dalla Cineteca di Bologna che custodisce l’Archivio Charlie Chaplin; il Festival Charlie Chaplin, prodotto dalla Fondazione I Pomeriggi Musicali e presentato in esclusiva al Teatro Dal Verme, è realizzato in collaborazione con il Chaplin Office di Parigi / Roy Export S.A.S.