Le date

Evento in streaming
domenica 28 febbraio 2021
Ore: 11:00

Note

ORCHESTRA I PICCOLI POMERIGGI MUSICALI

 

L’Orchestra de I Piccoli Pomeriggi Musicali nasce nel 2007 e si esibisce nello spettacolo di Francesco Micheli I Musicanti di Brema, che si è tenuto presso il Teatro Dal Verme di Milano. Il grande successo dello spettacolo spinge la Fondazione I Pomeriggi Musicali, in collaborazione con l’Associazione culturale Sconfinarte, a istituire l’Accademia di Formazione Professionale Orchestrale I Piccoli Pomeriggi Musicali. Essa nasce per promuovere la cultura orchestrale tra i bambini avviati allo studio della musica preparandoli all’esecuzione dei concerti della stagione di musica per i bambini, ma si pone anche lo scopo di appassionare le nuovissime generazioni al mondo della musica classica. I Piccoli Pomeriggi Musicali sono Nucleo aderente al Sistema e fanno parte di FuturOrchestra, l’orchestra lombarda del Sistema delle Orchestre e dei Cori Giovanili in Italia patrocinato dal M° Claudio Abbado. I Piccoli Pomeriggi Musicali sono oggi considerati tra le realtà più interessanti nel panorama delle formazioni giovanili. Direttore della formazione è, dalla sua fondazione, il M° Daniele Parziani. I Piccoli Pomeriggi Musicali sono alla loro 14ª Stagione concertistica.

Coppélia

Danzatrice solista Lara Barbarino
Adattamento coreografico Santa Borriello
Corpo di ballo Studenti delle classi 4ª e 5ª ad indirizzo classico del Liceo coreutico Tito Livio di Milano
Regia Manuel Renga
Attori Chiara Serangeli e Diego Becce
Orchestra I Piccoli Pomeriggi Musicali
direttore Daniele Parziani

 

Note di sala

Programma

Léo Delibes
da Coppélia
Tema delle Amiche
Variazioni delle Amiche
Variazione di Franz
Variazione di Swanilda
Valzer delle Ore
Finale

(trascrizioni Daniele Parziani)

 

Una speciale riduzione di Coppélia, il balletto con musiche di Léo Delibes appositamente adattate per l’esecuzione dell’Orchestra I Piccoli Pomeriggi Musicali diretta da Daniele Parziani. In scena anche i ballerini del Liceo Coreutico Tito Livio di Milano.

Con questo spettacolo ci tuffiamo in una storia ottocentesca del grande Hoffmann che ci porta in un mondo in cui la magia si mescola alla modernità. Infatti il vecchio Coppelius è un costruttore di automi ovvero di bambole e pupazzi meccanici, strambi a dire il vero. Tutti lo considerano un matto, ma lui lavora giorno e notte sulle sue creature, soprattutto su una, Coppélia, una bellissima bambola meccanica.

Il suo sogno è quello di darle vita e ci prova con le sue arti magiche. Per avere successo tuttavia deve però trovare qualcuno a cui rubare il soffio della vita: il bel Franz capita a fagiolo. Scopriremo insieme se la bella Svanilda, di Franz innamorata, riuscirà a far saltare i piani di Coppelius.

Un racconto delicato che parla di amore e di sortilegi, ci racconta che se davvero si tiene ad una persona bisogna far di tutto per aiutarla e essere al suo fianco.

Ci siamo ormai abituati ai concerti spettacolo in streaming dei Piccoli Pomeriggi (tutti noi speriamo di tornare dal vivo insieme al Teatro dal Verme il più presto possibile), ma questa volta abbiamo deciso di stupirvi.

In che modo? Con la bellissima collaborazione con il Liceo Coreutico Statale Tito Livio di Milano.

Eh si! Coppélia con le sue meravigliose musiche è diventata un affascinante balletto classico. Le musiche dei balletti dell’Ottocento non sono sempre tutte facilmente reperibili, e soprattutto nel caso di autori come Minkus o Delibes si fa fatica a trovare delle partiture complete per orchestra: noi, quindi, le abbiamo ri-arrangiate appositamente per i Piccoli, con tutti gli accorgimenti necessari a rendere dei brani musicalmente così brillanti e tecnicamente molto difficili, affrontabili anche da dei giovani orchestrali. Difficile anche riuscire ad avere un corpo di ballo con noi in teatro, ma come si usa dire, se Maometto non va alla Montagna la Montagna va a Maometto: il corpo di ballo ci ha raggiunto con delle videocoreografie che arricchiranno lo spettacolo.

Poi, non ancora contenti, vi abbiamo anche riservato una sorpresa.

Buona visione!

 

Manuel Renga e Daniele Parziani