Le date

Sala Piccola
mercoledì 03 aprile 2013
Ore: 18:15

Note

Tre grandi classici della letteratura, protagonisti del pensiero moderno del Novecento, saranno riletti per la città contemporanea, identificata nelle generazioni future, dei giovani, delle scuole e delle università, nel tentativo di riscoprire e toccare con mano le potenzialità culturali della letteratura che parla a noi uomini di oggi.

L’iniziativa è realizzata con il patrocinio dell’Ufficio Scolastico per la Lombardia e la collaborazione di Istituti milanesi quali il Liceo Carducci, il Centro Scuole Professionali Galdus, Istituto Sacro Cuore di Milano, il progetto unisce la forza del teatro e della parola, con la riflessione. La manifestazione, comunque aperta a tutto il pubblico di appassionati e professionisti, vede i tre grandi attori far rivivere tre grandi innovatori della letteratura ma soprattutto figure controcorrente e di grande intensità, due Premi Nobel “non politicamente corretti” e uno scrittore sommerso dai totalitarismi, con lo scopo di tratteggiare la genesi del profilo dell’uomo europeo, tra ferite e speranze.

Il ciclo si apre con il russo Vassilij Grossman, morto in povertà e abbandono, considerato uno dei più grandi scrittori del XX secolo, che narra l’uomo al centro delle distruzioni dei due totalitarismi. Rivivrà il suo Vita e Destino (insieme ad altri testi e articoli tradotti appositamente da Pietro Tosco), recentemente edito da Adelphi con la bella traduzione di Claudia Zonghetti, definito da molti il Guerra e Pace del Novecento. Il manoscritto, confiscato e distrutto dal KGB, arrivò in Occidente fortunosamente, tramite gli scatti in microfilm realizzati pochi istanti prima della perquisizione. Nella voce e interpretazione di Michela Cescòn affiora la donna, la madre che custodisce, la bontà illogica e testimone dell’umano nell’uomo, fino al canto della Madonna Sistina a Treblinka (da “Il bene sia con voi”. Ed. Adelphi).

Il ciclo prosegue poi con “Camus, o la religione dell’onestà”, anch’egli tra le due ideologie che si fronteggiano nella metà del ‘900: la libertà e il desiderio di impossibile che alberga nell’animo umano a confronto con la politica, l’indipendenza, l’ingiustizia e la povertà: Un’anticipazione dei temi del multiculturalismo e della centralità dei diritti dell’uomo. Si terminerà infine con Eliot, che, tra Inghilterra e America, scava nell’uomo europeo in crisi, impagliato nel consumo di nuovi saperi e costumi, tra una cultura misura di tutte le cose e l’avvenimento del tempo, del presente e della fine, per ritrovare le radici dantesche di una cultura universale.

I testi proposti al pubblico – delle vere e proprie antologie degli autori – si compongono attorno alle loro prose, alle sceneggiature, alle poesie, romanzi, lettere e articoli. Sono stati selezionati da un Comitato Scientifico composto da scrittori e docenti universitari, quali: Pietro Tosco (Centro Studi V. Grossman), Luca Doninelli, Franco Loi, Ermanno Paccagnini, Uberto Motta. Sorpresa vera per il pubblico – nella regia e nella cornice del Teatro Dal Verme per queste Letture Teatrali e Dialoghi – immagini, registrazioni audio degli autori, musiche e canzoni intervalleranno la lettura degli attori.

Testimoni nel ‘900 per la città contemporanea Grossman, Camus, Eliot
Ciclo di Letture Teatrali e Dialoghi al Teatro Dal Verme di Milano

Note di sala

mercoledì 20 febbraio, ore 18,15
“Nulla è più sublime dell’umano nell’uomo” Vassilij Grossman
con Michela Cescòn a seguire, dialogo con padre Romano Scalfi, fondatore di Russia Cristiana – Pierluigi Colognesi, scrittore – Giovanni Maddalena, filosofo

mercoledì 6 marzo, ore 18,15
“Non aver paura di nulla…Ma chi mi verrà in aiuto!” Albert Camus
con Massimo Popolizio a seguire, dialogo con Massimo Borghesi, filosofo – Luca Doninelli, scrittore

mercoledì 3 aprile, ore 18,15
“Eppure mai seguendo un’altra via” Thomas Stearns Eliot
con Sandro Lombardi A seguire, dialogo con Salvatore Veca, filosofo – Carmine Di Martino, filosofo – Edoardo Rialti, critico letterario

Biglietteria

ingresso libero fino ad esaurimento posti
si consiglia la prenotazione sul sito www.cmc.milano.it oppure al tel. 02.86455162