Le date

Sala Grande
domenica 20 marzo 2022
Ore: 11:00

Note

Spettacolo adatto a bambini a partire dai 3 anni d’età.

L’Accademia di Formazione Orchestrale I Piccoli Pomeriggi Musicali e i concerti dell’Orchestra I Piccoli Pomeriggi Musicali sono realizzati dalla Fondazione I Pomeriggi Musicali in collaborazione con Finzi Academy.

Gian Burrasca
di Vamba
adattamento Manuel RengaAndrea Piazza

 

Il Cast

Regia Manuel RengaAndrea Piazza
Attrice Sara Dho
Direttore Daniele Parziani
Orchestra I Piccoli Pomeriggi Musicali

 

Note di sala

Programma musicale

Astor Piazzolla Libertango
Tradizionale Camerun
Pëtr Il’ič Čajkovskij L’Organetto di Barberia da Album per la Gioventù, op.39
Soon Hee Newbold Gaelic Castle
Rodgers and Hammerstein Suite da Oklahoma!
Tradizionale  Ritmos Ciganos

 

Molto spesso si dice che il mese di marzo sia pazzerello, forse per l’arrivo della primavera e per la voglia che viene a tutti noi di uscire, di correre all’aperto, di fare scherzetti…  anche se il Carnevale è già passato, è ancora un po’ nell’aria… Dopo avervi presentato le musiche carnevalesche italiane infatti, siamo pronti a farvi ascoltare le musiche popolari provenienti da diverse regioni del Sud America (dove il Carnevale si sa, è molto sentito) per poi passare alla tradizione del musical del Nord America; alterneremo quindi la cultura “pop” a quella “tradizionale”, cioè “folk”, anche di origine anglosassone. Ritmi sostenuti e binari, si confronteranno poi con un elegante brano classico di Tchaikovsky, in tempo di valzer, e quindi ternario, per educare all’ascolto di questa varietà nel tempo musicale. 

Per questo marzo pazzerello abbiamo deciso di raccontarvi quest’oggi non una fiaba, ma una storia accaduta davvero (forse), la storia di un bambino piuttosto dispettoso. La storia di Giannino Stoppani, detto Gian Burrasca. Il giornalino di Gian Burrasca è un romanzo scritto da Vamba nel 1907 e pubblicato prima a puntate su Il giornalino della Domenica tra il 1907 e il 1908, poi in un libro nel 1912.

Pensate all’inizio del 1900, quindi ormai più di un secolo fa le storie, quelle belle, quelle che tutti avevano voglia di leggere, venivano pubblicate a puntate sul giornale, ogni settimana un nuovo capitolo, una nuova avventura e tutti aspettavano proprio la domenica per sapere come la storia sarebbe andata avanti, per leggere i nuovi capitoli.

E così capitò con il Giornalino di Gian Burrasca, che oggi Sara Dho vi racconterà, interpretando tanti dei personaggi che vivono  in questa storia.

Giannino era un ragazzino di 8 anni, dispettoso, che viveva con la famiglia in Toscana e ne combinava una al giorno. Anzi, in certe giornate, anche una ogni due o tre ore! 

Non lo faceva con cattiveria, no assolutamente, ma era più forte di lui, quando una marachella era nell’aria ecco che c’era Giannino, tanto che dopo un petardo nella sottana della zia, dopo una bimba con tutti i capelli tagliati, dopo un sasso nell’occhio dell’avvocato, la sua famiglia decide di spedirlo in collegio.

“Se non fai il bravo finisci in collegio, proprio come Gian Burrasca!” Quante volte l’ho sentito ripetere ai miei genitori quando ero un bimbo. E quanti di voi lo sentiranno ancora oggi!

E’ importante fare i bravi, è importante non fare marachelle, è importante trovare un modo per divertirsi che non faccia male a nessuno. Questo provano a spiegare i grandi a Gian Burrasca. Lo capirà? E tutti voi lo avete capito oppure siete come Gian Burrasca?

Sicuramente questa storia ci permette di fare una bella riflessione sulla libertà.

Che cosa è la libertà? Quando finisce la mia libertà e comincia quella degli altri? Siamo liberi di fare quel che vogliamo oppure prima di agire è meglio chiedersi se quello che stiamo facendo può far male a qualcuno? Se la mia libertà da fastidio ad un amico o amica, un genitore, una compagna, forse non è davvero libertà.

E allora ci piacerebbe che tutti, tornando a casa provassero anche solo per un attimo a pensare a questa libertà, a capire qual è il limite oltre il quale non bisogna andare per stare bene insieme. Noi siamo uomini e donne, bambini e bambine e stiamo bene insieme, in gruppo, in famiglia, in comunità. Stare insieme è bello, ha delle regole che, se rispettate, garantiscono la libertà di tutti.

Buona domenica e… non prendete troppo spunto dalle marachelle di Gian Burrasca!

Manuel Renga e Daniele Parziani

 

Orchestra I Piccoli Pomeriggi Musicali

L’Orchestra de “I Piccoli Pomeriggi Musicali” nasce nel 2007 e si esibisce nello spettacolo di Francesco Micheli “I Musicanti di Brema”, che si è tenuto presso il Teatro Dal Verme di Milano nel marzo 2007. Il grande successo dello spettacolo ha spinto la Fondazione “I Pomeriggi Musicali” in collaborazione con l’Associazione culturale Sconfinarte prima e con l’Associazione Finzi Academy oggi ad istituire l’Accademia di Formazione Professionale Orchestrale “I Piccoli Pomeriggi Musicali”.

Essa nasce per promuovere la cultura orchestrale tra i bambini avviati allo studio della musica preparandoli all’esecuzione dei concerti della Stagione di Musica per i Bambini, ma si pone anche lo scopo di appassionare le nuovissime generazioni al mondo della musica classica. L’esperienza degli ultimi anni ha infatti dimostrato che il pubblico di bambini si riconosce nei giovani esecutori sul palcoscenico e impara a sentire la musica come una esperienza alla sua portata e non riservata al mondo degli adulti.

Dell’Orchestra, che ha sede stabile presso il Teatro Dal Verme, fanno parte bambini e ragazzi in età compresa tra i 7 e i 17 anni provenienti dal Conservatorio e da varie Scuole ed Accademie Musicali italiane.

I giovani musicisti hanno avuto modo di esibirsi, oltrechè nella sede, in prestigiosi Teatri quali tra gli altri: a Milano Teatro Arcimboldi, Laboratori Scala Ansaldo, Auditorium di Milano, Teatro Allianz, Museo del Novecento (nel prestigioso “Festival delle Cinque Giornate” di Milano), in trasferta Teatro Sociale di Como, Teatro Ponchielli di Cremona, Teatro Quirino di Roma (con registrazione del concerto da parte di Radio Vaticana), Teatro Cavallerizza di Reggio Emilia, Auditorium di Maccagno, Teatro del Mare di Menfi, Teatro San Rocco di Seregno, Auditorium Salesiani di Recanati, Teatro Pasta-Giuditta di Saronno, Teatro Sociale di Stradella, Teatro Il Maggiore di Verbania.

Hanno avuto la possibilità di lavorare con grandi solisti e attori di fama quali, tra gli altri, Bruno Canino, Gabriele Cassone, Enrico Dindo. Un ringraziamento particolare va al M° Igor Riva, spalla de I Pomeriggi Musicali, che regolarmente si esibisce da solista con i giovani orchestrali.

Il M° Alessandro Solbiati è stato autore di “Crescendo”, otto brevi brani in forma di studio per orchestra da camera, commissionata da I Pomeriggi Musicali. L’opera è dedicata all’Orchestra de I Piccoli Pomeriggi Musicali e ha visto il M° Alessandro Solbiati coinvolto in un progetto di “compositore residente” per le stagioni musicali 2011/2012 e 2012/2013. Di questo lavoro è stato realizzato dall’Orchestra anche il CD dal titolo appunto “Crescendo”.

Dal 2013 ad oggi il tema conduttore dei concerti delle Stagioni è stato quello di narrare le favole classiche (fratelli Grimm, H.C. Andersen, favole tradizionali) in collaborazione con gli attori di Milano Teatri Scuola Paolo Grassi. Manuel Renga è il regista residente che firma tutti gli spettacoli.

L’Orchestra è considerata tra le realtà più interessanti nel panorama delle formazioni giovanili e la prossima sarà la sua 15° Stagione Musicale. Il suo repertorio spazia in molteplici generi, con occhio di riguardo per il repertorio classico ma con apertura anche agli altri generi come jazz, pop, musiche da film, musica tradizionale.

Direttore della formazione è, dalla sua fondazione, il M° Daniele Parziani.

Biglietteria

Biglietti

Adulti €. 7,00 + prevendita
Bambini €. 5,00 + prevendita